top of page

Pizzaut ha aperto a Monza: l'inaugurazione con il presidente Mattarella



Sono state le note dell'Inno alla gioia suonate al violino da Andrea, uno dei camerieri di Pizzaut, ad accogliere il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Monza, nella mattinata di domenica 2 aprile. Il capo dello Stato ha presenziato all'inaugurazione del nuovo locale gestito da ragazzi autistici che dopo Cassina de' Pecchi approda nel capoluogo brianzolo, la città dove aveva preso forma il sogno e che ha sempre sostenuto il suo fondatore Nico Acampora. E per arrivare pronti alla giornata di oggi per settimane nel locale allestito nell'Energy Spring Park è stato al lavoro un esercito di instancabili volontari tra cui anche i membri del gruppo social EasyMonza coordinato da Sonia Diligenti e Paolo Fumagalli.


"A regime questo posto potrà ospitare a lavoro 25 ragazzi autistici e 5 normali. Ormai noi quelli normali li chiamiamo la minoranza etnica - ha detto ridendo Nico Acampora parlando ai 200 invitati seduti al tavolo prima poco prima dell'arrivo del presidente - Oggi il presidente della Repubblica verrà qui da noi ed è un gesto importantissimo: vuol dire testimoniare la vicinanza delle istituzioni a tutte le 600mila persone autistiche e alle loro famiglie. E' sicuramente per noi un'emozione enorme".


"Abbiamo tante cose ancora da fare e da realizzare per costruire un futuro per i ragazzi autistici e per l'Italia. Tutte le pizze che verranno realizzate oggi sono fatte con prodotti sequestrati alla camorra e alla mafia per rendere omaggio alla storia del nostro presidente e all'impegno delle persone autistiche che è un impegno sociale, lavorativo e in questo caso anche civico".


Una giornata di festa, di gioia e di emozioni. Al suo arrivo il capo dello Stato è stato accolto da Marco Alparone, vice Presidente della Regione Lombardia; Paolo Pilotto, Sindaco di Monza; Patrizia Palmisani, Prefetto di Monza e Brianza; Luca Santambrogio, Presidente della Provincia di Monza e Brianza. Dopo i saluti istituzionali e la benedizione la cerimonia ha preso il via. Domenica nel giorno dell'apertura del nuovo ristorante di Monza due ragazzi - Gabriele e Beatrice - hanno firmato il loro contratto a tempo indeterminato.


La visita poi, da programma, è proseguita con un giro nelle cucine con Acampora che ha illustrato al capo dello Stato tutti gli accorgimenti tecnici che consentono ai ragazzi di lavorare in autonomia e sicurezza. Poi il momento del pranzo con la pizza Articolo 1: "L'Italia è una Repibblica democratica fondata ANCHE sul NOSTRO lavoro".


Il discorso del presidente Mattarella a Monza

"Un saluto cordialissimo a tutti, alle autorità, ai familiari, ai volontari, a tutti i presenti. Ma mi rivolgo ai ragazzi: grazie ragazzi, grazie davvero! Vi ringrazio di avermi invitato per l’inaugurazione di questo straordinario e bellissimo spazio in cui PizzAut opererà. È non soltanto funzionale, è davvero bello. Complimenti anche a chi lo ha realizzato. Grazie per avermi invitato, è un piacere essere qui. Ma vorrei dirvi, anzitutto, che siete bravissimi. La pizza era squisita, era magnifica, buonissima. E il modo di presentarla in tavola è stato ottimo. Complimenti! Siccome io non sarei stato capace né a farle, né a portarle in tavola, ho ammirato la vostra capacità. Avete una professionalità davvero di alto livello. Bravissimi! Per questo non mi meraviglia che poc’anzi due ragazzi - e ho avuto il privilegio di assistere - hanno firmato il contratto di assunzione a tempo indeterminato, perché avete professionalità, perché vi realizzate lavorando in maniera eccellente.


Vorrei ringraziare Nico Acampora, perché quello che lui ha sognato, ha intuito, tempo addietro, al momento in cui lo pensava e lo ha ideato tutti lo ritenevano impossibile, lo ritenevano inverosimile. E invece è la realtà. Questo non è un luogo che è soltanto un esempio, è un luogo di normalità, perché si lavora come tutti fanno. Ciascuna persona, ogni persona - ogni donna, ogni uomo - ha una sensibilità, un suo modo di esprimersi, di realizzarsi, di vivere. Nessuno è uguale a un altro. Questo significa che tutti devono avere la possibilità di potersi esprimere, realizzare. E Nico Acampora ha fatto questo: ha creato la possibilità di esprimersi. E voi avete dimostrato di essere bravissimi. Ed è una riconoscenza che intendo esprimere in maniera veramente sincera, piena, non soltanto a Nico - a chi lo ha aiutato, a chi lo ha sorretto, a chi lo sostiene - ma a voi che avete dimostrato che cos’è impegnarsi, lavorare insieme, essere fra voi solidali. Ragazzi, grazie di tutto! Sono uno di voi, vi ringrazio! Vi faccio gli auguri più grandi, anche per le tappe successive che PizzAut realizzerà. Quelle che ha già realizzato sono importanti, di grande significato, di grande rilievo. Auguri per il futuro, e grazie a tutti voi!"


Un locale con 350 posti

PizzAut si trova nell'area dell'ex polo vaccinale, nella rinnovata area dell'Energy Spring Park. Dopo quello di Cassina de Pecchi (inaugurato l'1 maggio 2021) adesso è la volta del primo PizzAut in Brianza. In quella Monza che, fin da subito, ha creduto e sostenuto quello che sembrava il sogno irrealizzabile del papà di un bambino autistico. Il sogno di Nico Acampora di rendere automoni i ragazzi autistici attraveso il lavoro.


“Oggi diamo il benvenuto ai ragazzi di PizzAut e alle loro famiglie. Siamo molto felici di accogliere questa realtà che da anni si occupa di inclusione. Grazie anche all’arrivo di PizzAut, l’intera area Energy Spring Park si sta trasformando in un nuovo quartiere a misura di persona: uno spazio innovativo della comunità, per la comunità, che mette al centro la persona e il suo benessere” ha detto GianMaria Bellazzi, proprietario dell’area Energy Spring Park.


“Un grazie a Energy Spring Park per averci accolto in questo nuovo quartiere pensato per essere a misura di persona. Con il nostro arrivo qui, a partire da oggi, ci affianchiamo a questo progetto di riqualificazione dello spazio urbano che ci permette di dare alle persone autistiche piena dignità e inclusione” ha aggiunto Nico Acampora. Insieme a una pizza speciale ad accogliere il presidente Mattarella anche una torta con i colori dell'Italia che oggi festeggia un momento importante nel segno dell'inclusione e dei diritti. Tutti i prodotti e gli ingredienti usati per la realizzazione delle pizze provengono da terreni sequestrati alla camorra e alla criminalità organizzata: un segnale importante, di giustizia, legalità e civiltà. Un menu buono per un'Italia migliore.


Il nuovo locale - che si trova nell'ex area Philips trasformata durante la pandemia in uno dei più grandi centri vaccinali della Lombardia - si estende su una superficie di 1.100 metri quadrati di cui 222 saranno destinati agli spazi cucina, con cucina riservata per la preparazione dei piatti senza glutine. Ci saranno 350 posti a sedere. Oltre ai forni speciali ci saranno tavoli, attrezzature e arredi tutti con caratteristiche studiate per facilitare il lavoro del personale autistico. I soffitti saranno insonorizzati; ci saranno accorgimenti illuminotecnici per evitare che luci possano dare fastidio ai lavoratori. Inoltre tutte le toilette saranno attrezzate per l'accesso alle persone disabili. Il nuovo ristorante fondato da Nico Acampora, una volta a regime, potrà garantire lavoro e occupazione a 25 ragazzi autistici ed a 4 neurotipici. Ci saranno anche 2 alloggi dove i ragazzi potranno sperimentare anche l'esperienza dell'autonomia abitativa. Per l'apertura al pubblico bisognerà aspettare ancora qualche settimana perché nel frattempo i ragazzi faranno esperienza senza i clienti.


Il sostegno all'AutAcademy

Tra i primi a credere nel progetto e a sostenerlo sul territorio c'è stata anche Bcc Carate Brianza. “È un grandissimo onore per noi di BCC Carate Brianza sostenere l’AutAcademy, il prestigioso progetto del mondo PizzAut finalizzato alla realizzazione di un percorso formativo che promuove l’inclusione lavorativa delle persone autistiche e che offrirà ancora più opportunità ai ragazzi grazie agli spazi che saranno creati all’interno del ristorante PizzAut di Monza di prossima apertura" ha dichiarato Ruggero Redaelli, Presidente di BCC Carate Brianza. "Allo stesso tempo il nostro supporto andrà al progetto Palestra di Autonomia Abitativa con cui gli operatori di PizzAut insegneranno a venticinque ragazzi autistici del territorio, non solo le abilità di un lavoro, quello dell'artigiano della pizza appunto, ma anche ad affrontare la vita in autonomia permettendo loro di sperimentare piccole faccende quotidiane (ad esempio, utilizzare la lavatrice, lavare i piatti, dormire senza genitori, cucinare, ecc.) in un contesto abitativo creato ad hoc per renderli autonomi per un prossimo futuro. Perché è proprio questa una delle necessità più importanti".


E ancora: "La nostra Istituzione, come Banca del territorio ed a vocazione mutualistica, ha sposato fin da subito le finalità del progetto di inclusione sociale promosso da PizzAut: il nostro mattone simboleggia un punto di partenza per la costruzione di una comunità più solidale e di un futuro migliore per tutti. Complimenti a Nico Acampora, a tutti gli operatori e ai fantastici ragazzi di PizzAut per l’apertura del nuovo ristorante – pizzeria di Monza e dei nuovi progetti che “nutrono l’inclusione”.


13 visualizzazioni

Comments


bottom of page